Arte e culto di San Giuseppe nella Diocesi di Oria

La figura di San Giuseppe, il padre putativo di Gesù, è una delle più luminose del firmamento cristiano, nonostante poche notizie siano state tramandate su di lui nel corso dei secoli. Tuttavia il suo ricordo ha influenzato l’arte, oltre che la devozione, in ogni luogo del mondo.

Qui, faremo un piccolo viaggio nella diocesi di Oria, in Salento, alla scoperta delle immagini più suggestive della vita del santo, raccontate dall’arte, grazie ad una mostra fotografica itinerante, a cura della Diocesi di Oria e il Museo Diocesano (fotografie di Gabriele Fanelli, stampa “Questione D’immagine”).

The figure of St. Joseph, the putative father of Jesus, is one of the brightest in the Christian firmament, despite little news about him over the centuries. However, his memory has influenced art, as well as devotion, in every place of the world. Here, we will make a small trip to the diocese of Oria, in Salento, to discover the most evocative images of the saint’s life, told by art, thanks to a traveling photographic exhibition, curated by the Diocese of Oria and the Diocesan Museum (photographs by Gabriele Fanelli, print “A Question of Image”).

Busto d’altare. San Giuseppe. Ambito pugliese, secolo XVII-XVIII. Chiesa del monastero delle Benedettine, Manduria. Bust of altar. St. Joseph. Apulian area, 17th-18th century. Church of the Benedictine monastery, Manduria.

Statua in pietra. San Giuseppe. Anonimo. Chiesa di San Francesco di Paola, Oria. Stone statue. St. Joseph. Anonymous. Church of San Francesco di Paola, Oria.

Tela d’altare. Transito di San Giuseppe. Matteo e Diego Bianchi (?) XVIII secolo. Chiesa di San Sebastiano, Francavilla Fontana. Altar cloth. Transit of San Giuseppe. Matteo and Diego Bianchi (?) 18th century. Church of San Sebastiano, Francavilla Fontana.

Statua lignea. San Giuseppe lavoratore. Manifattura di Ortisei, XX secolo. Chiesa di San Giuseppe lavoratore, Latiano. Wooden statue. Saint Joseph the worker. Ortisei manufacture, 20th century. Church of St. Joseph the worker, Latiano.

Statua lignea. San Giuseppe. Vincenzo Ardia. XVII secolo. Chiesa di San Giuseppe, Manduria. Segnaliamo la particolare importanza storico-artistica dell’opera. Circa l’autore, in Italia, si ha notizia di sole altre due statue a lui attribuite, per il resto pare sia stato particolarmente prolifico in Spagna. In occasione di una mostra riguardante la scultura napoletana del 2008, la Soprintendenza ha riconosciuto la singolarità e il pregio artistico del manufatto, tanto da indicarlo come un unicum nell’Italia meridionale. Wooden statue. St. Joseph. Vincenzo Ardia. 17th century. Church of San Giuseppe, Manduria. We point out the particular historical-artistic importance of the work. About the author, in Italy, we have news of only two other statues attributed to him, for the rest he seems to have been particularly prolific in Spain. On the occasion of an exhibition concerning Neapolitan sculpture in 2008, the Superintendency recognized the singularity and artistic value of the artefact, so much so that it was indicated as a unicum in southern Italy.

Tela. Fuga in Egitto e strage degli innocenti. Pasquale Bianchi, XVIII secolo. Chiesa di San Giuseppe, Manduria. Canvas. Flight into Egypt and massacre of the innocents. Pasquale Bianchi, 18th century. Church of San Giuseppe, Manduria.

Tela d’altare. Sacra famiglia. Domenico Carella, XVIII secolo. Basilica del Santo Rosario, Francavilla Fontana. Altar cloth. Holy Family. Domenico Carella, 18th century. Basilica of the Holy Rosary, Francavilla Fontana.

Tela. Adorazione dei Magi. Pasquale Bianchi, XVIII secolo. Chiesa di San Giuseppe, Manduria. Canvas. Adoration of the Magi. Pasquale Bianchi, 18th century. Church of San Giuseppe, Manduria.

Bassorilievi. Trittico del presepe. Anonimo, XVIII secolo. Chiesa di San Francesco di Paola, Oria. Bas-reliefs. Triptych of the nativity scene. Anonymous, 18th century. Church of San Francesco di Paola, Oria.

Altare barocco in pietra con statua di San Giuseppe. Ambito pugliese, XVII secolo. Chiesa di San Giuseppe, Manduria. Baroque stone altar with statue of St. Joseph. Apulian area, 17th century. Church of San Giuseppe, Manduria.

Tovaglia d’altare. Velluto con dipinto centrale e ricamo in oro. Manifattura locale, XIX secolo. Basilica del Santo Rosario, Francavilla Fontana. Altar cloth. Velvet with central painting and gold embroidery. Local manufacture, 19th century. Basilica of the Holy Rosary, Francavilla Fontana.

Tela. Patrocinio di San Giuseppe. Pasquale Bianchi, XVIII secolo. Chiesa di San Giuseppe, Manduria. Canvas. Patronage of St. Joseph. Pasquale Bianchi, 18th century. Church of San Giuseppe, Manduria.

Tela. Lo sposalizio della Vergine. Nicola Schiavoni, XVIII secolo. Chiesa di San Giuseppe, Manduria. Canvas. The marriage of the Virgin. Nicola Schiavoni, 18th century. Church of San Giuseppe, Manduria.

Statua in cartapesta. San Giuseppe. Vincenzo Zingaropoli, XIX secolo. Basilica del Santo Rosario, Francavilla Fontana. Papier-mâché statue. St. Joseph. Vincenzo Zingaropoli, 19th century. Basilica of the Holy Rosary, Francavilla Fontana.

Tela d’altare. Transito di San Giuseppe. Diego Bianchi, XVIII secolo. Chiesa dell’Immacolata, Latiano. Altar cloth. Transit of San Giuseppe. Diego Bianchi, 18th century. Church of the Immaculate Conception, Latiano.

Questa incantevole mostra è attualmente visitabile all’interno del Santuario dei SS.Cosma e Damiano, a Oria, un’iniziativa di cui ringrazio la Curia di tutto cuore!

© Questo sito web non ha scopo di lucro, non userà mai banner pubblicitari, si basa solo sul mio impegno personale e su alcuni reportage che mi donano gli amici, tutti i costi vivi sono a mio carico (spostamenti fra le città del territorio salentino e italiano, spese di gestione del sito e per il dominio concesso da Aruba). Se lo avete apprezzato e ritenete di potermi dare una mano a produrre sempre nuovi reportage, mi farà piacere se acquisterete i miei romanzi. Il Folle lo trovate su Amazon (clicca qui), mentre Tsunami lento in alcune librerie (clicca qui) anche in versione inglese (su Amazon), oppure, anche tutti gli altri miei titoli, a richiesta alla mia mail: sandrolento@gmail.com. Tutto ciò che compare sul sito, sopratutto le immagini, non può essere usato in altri contesti che non abbiano altro scopo se non quello gratuito di diffusione di storia, arte e cultura. Come dice la Legge Franceschini, le immagini dei Beni Culturali possono essere divulgate, purché il contenitore non abbia fini commerciali, anche indirettamente. I diritti dei beni ecclesiastici sono delle varie parrocchie, e le foto presenti in questo sito sono sempre state scattate dopo permesso verbale, e in generale sono tutte marchiate col logo di questo sito unicamente per impedire che esse finiscano scaricate (come da noi spesso scoperto) e utilizzate su altri siti o riviste a carattere commerciale. Per quanto riguarda le foto scattate in campagne e masserie abbandonate, se qualche proprietario ne riscontra qualcuna che ritiene far cancellare da questo blog (laddove non c’erano cartelli o muri che distinguessero terreno pubblico da quello privato, non ce ne siamo accorti) è pregato (come chiunque altro voglia segnalare rettifiche) di contattarci alla mail info@salentoacolory.it

Arte e culto di San Giuseppe nella Diocesi di Oria

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.