Santa Maria Maggiore a Siponto

La chiesa di Santa Maria Maggiore a Siponto (Manfredonia) può essere considerata, per le sue singolari forme architettoniche, uno dei monumenti più significativi del Romanico Pugliese. La costruzione viene iniziata verso la fine dell’XI secolo, e subisce interventi di restauro già nei decenni immediatamente successivi. Si dispone su due livelli: una chiesa superiore, ed una cripta

accessibile solo dall’esterno.

Santa Maria Maggiore a Siponto

La facciata rivolta verso Occidente reca al centro un portale con protiro dove due leone sostengono le colonne con capitelli e mensole su cui poggia l’arco finemente intagliato.

Santa Maria Maggiore a Siponto

Ai lati, sostenute da colonne, sono due coppie di arcate cieche campite in alto da losanghe a cornici digradanti e in basso sempre da losanghe riccamente ornate con motivi di gusto orientale.

Anche la parete sud è decorata da coppie di arcate cieche che delimitano al centro l’abside semicircolare con tre arcate su pilastrini.

nella parte posteriore ad est l’abside ha sempre le arcate cieche e monofore.

Una cappella semicircolare fu affiancata successivamente.

La facciata nord fu rifatta nel Cinquecento, dopo che era stata distrutta da eventi bellici.

Nell’interno, a pianta quadrata, quattro pilastri al centro, sormontati da quattro colonne con capitelli anch’essi di reimpiego reggono arcate su cui si imposta la volta a crociera.

Si pensa che nel 1117 sia avvenuto il passaggio di consegne tra la nuova chiesa (questa) e la vecchia basilica paleocristiana (già basilica pagana), ridotta oggi a soli ruderi di interesse archeologico. La chiesa superiore sorgeva su quella inferiore, databile all’alto medioevo, costruita con i ruderi della vecchia caduta dopo un terremoto. Per secoli è stata custodita l’icona di Maria Santissima di Siponto, databile all’VIII secolo e custodita attualmente nella cattedrale di Manfredonia per questioni di sicurezza; come anche la statua lignea detta la Sipontina o Madonna dagli occhi sbarrati del VI secolo, in legno policromo di carrubo d’origine bizantina, che fu la prima Madonna che si venerò a Siponto.

Santa Maria Maggiore a Siponto

Fotografie di Gianluigi Vezoli

Notizie provenienti dalla cartellonistica informativa del posto

© Questo sito web non ha scopo di lucro, non userà mai banner pubblicitari, si basa solo sul mio impegno personale e su alcuni reportage che mi donano gli amici, tutti i costi vivi sono a mio carico (spostamenti fra le città del territorio salentino e italiano, spese di gestione del sito e per il dominio concesso da Aruba). Se lo avete apprezzato e ritenete di potermi dare una mano a produrre sempre nuovi reportage, mi farà piacere se acquisterete i miei romanzi. Il Folle lo trovate su Amazon (clicca qui), mentre Tsunami lento in alcune librerie (clicca qui) anche in versione inglese (su Amazon), oppure, anche tutti gli altri miei titoli, a richiesta alla mia mail: sandrolento@gmail.com. Tutto ciò che compare sul sito, sopratutto le immagini, non può essere usato in altri contesti che non abbiano altro scopo se non quello gratuito di diffusione di storia, arte e cultura. Come dice la Legge Franceschini, le immagini dei Beni Culturali possono essere divulgate, purché il contenitore non abbia fini commerciali, anche indirettamente. I diritti dei beni ecclesiastici sono delle varie parrocchie, e le foto presenti in questo sito sono sempre state scattate dopo permesso verbale, e in generale sono tutte marchiate col logo di questo sito unicamente per impedire che esse finiscano scaricate (come da noi spesso scoperto) e utilizzate su altri siti o riviste a carattere commerciale. Per quanto riguarda le foto scattate in campagne e masserie abbandonate, se qualche proprietario ne riscontra qualcuna che ritiene far cancellare da questo blog (laddove non c’erano cartelli o muri che distinguessero terreno pubblico da quello privato, non ce ne siamo accorti) è pregato (come chiunque altro voglia segnalare rettifiche) di contattarci alla mail info@salentoacolory.it

Santa Maria Maggiore a Siponto

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.