Santa Cesarea Terme, antico borgo moderno

Santa Cesarea Terme rappresenta un caso a parte fra i borghi più caratteristici del Salento. E’ sorta su un sito antichissimo. Il suo stesso territorio è il fondale di un mare preistorico, conserva fossili, monumenti antichissimi, che fanno da circondario al suo cuore moderno, di una cittadina sorta in realtà durante il 1900. Si affaccia su un mare incantevole, che ha fatto da musa ispiratrice ad alcuni fra i più grandi geni dell’arte salentina, come Carmelo Bene e Maria Corti…

santa cesarea terme

Santa Cesarea Terme, panorama dal belvedere

2

La prestigiosa Villa Sticchi, affacciata sul mare.

3

Questo borgo magnificamente panoramico deve la sua posizione, seconda la tradizione di una triste leggenda al sacrificio di una ragazza che abitava in una campagna dell’immediato entroterra, di nome Cesarea.  Era una ragazza bellissima, e abitava con la sua famiglia in un casale chiamato Francavilla. Un giorno la madre morì, lasciando il padre disperato come non mai. Cesarea cresceva, e si faceva sempre più bella, bella come la madre, uguale a lei una goccia d’acqua. Finché un giorno profumò di donna, e suo padre voleva coricarsi con lei. Cesarea resisteva, per amor di Dio non poteva compiere un simile peccato; pure si rendeva conto che non aveva scampo. Così, quando giunse il momento, disse al padre che premeva da dietro la porta della sua stanza, di aspettare il tempo che lei si lavasse. Nel frattempo, Cesarea legò due colombe vicino alla bacinella dell’acqua, in modo che sbattendo le ali facessero rumore. Poi, la ragazza fuggì dalla finestra. Il trucco non riuscì per molto, il padre sfondò la porta e cominciò l’inseguimento. In breve fu alle calcagna della figlia, che fuggiva in direzione del mare. Si rese conto che non poteva farcela, così chiese aiuto al Signore, affinché non cadesse nelle mani del padre. E sul promontorio a picco sul mare, la terra si aprì e accolse la povera Cesarea, nel punto in cui le grotte esalano vapori sulfurei…

4

Così, secondo questa storia, anche le celebri terme di questa città sarebbero nate con la sua morte…

5

6 - palazzo Sticchi

Santa Cesarea Terme, palazzo Sticchi.

Fra le sue frazioni troviamo Porto Miggiano, di cui vediamo una panoramica in questa foto…

7

8

La torre aragonese di Porto Miggiano.

9

La costa a sud di Santa Cesarea Terme.

10

Santa Cesarea Terme, particolari della costa.

11

Santa Cesarea Terme, particolari della costa.

12

Santa Cesarea Terme, particolari della costa.

cerfignano

Cerfignano, piccolo borgo posto a poca distanza nell’entroterra…

cerfignano2

…davanti alla sua chiesa si erge un cosiddetto osanna, che reca una data graffita che ci riporta al 1613…

frantoio

…testimonianza dell’antica frequentazione produttiva è anche un frantoio, posto lungo la strada che porta al mare… E poi, ultima frazione di Santa Cesarea Terme è Vitigliano, piccolo borgo pittoresco, ricco di storia, pace e poesia…

13

Vitigliano

14

Vitigliano, chiesa matrice, interni.

15

Vitigliano, chiesa matrice, interni.

16

Vitigliano, chiesa matrice, interni.

18

Vitigliano, chiesa matrice, interni.

17

Vitigliano, chiesa matrice, interni.

19

Vitigliano

20

Vitigliano conserva anche un piccolo e grazioso museo di storia naturale, ricco di reperti fossili, e pietre caratteristiche, che non mancheranno di sorprendere il visitatore. Ambientato in un’antica casa a corte, e nei suoi ambienti, fra cui la stalla degli animali, custodisce un fascino intimo come le sue pietre provenienti dal ventre della madre terra…

21

22

23

menhir di vitigliano

Menhir di Vitigliano

Vitigliano riserba anche un’altra sorpresa ai suoi visitatori: un antichissimo e sorprendente monumento, che gli storici classificano fra i Messapi e i Romani, ma su cui c’è ancora molto da scoprire, il cosiddetto Cisternale, di cui abbiamo già scritto in un altro articolo, e a cui vi rimandiamo…

24

Un viaggio a Santa Cesarea Terme non delude mai. Anche d’inverno!

© Questo sito web non ha scopo di lucro, non userà mai banner pubblicitari, si basa solo sul mio impegno personale e su alcuni reportage che mi donano gli amici, tutti i costi vivi sono a mio carico (spostamenti fra le città del territorio salentino e italiano, spese di gestione del sito e per il dominio concesso da Aruba). Se lo avete apprezzato e ritenete di potermi dare una mano a produrre sempre nuovi reportage, mi farà piacere se acquisterete i miei romanzi. Il Folle lo trovate su Amazon (clicca qui), mentre Tsunami lento in alcune librerie (clicca qui) anche in versione inglese (su Amazon), oppure, anche tutti gli altri miei titoli, a richiesta alla mia mail: sandrolento@gmail.com. Tutto ciò che compare sul sito, sopratutto le immagini, non può essere usato in altri contesti che non abbiano altro scopo se non quello gratuito di diffusione di storia, arte e cultura. Come dice la Legge Franceschini, le immagini dei Beni Culturali possono essere divulgate, purché il contenitore non abbia fini commerciali, anche indirettamente. I diritti dei beni ecclesiastici sono delle varie parrocchie, e le foto presenti in questo sito sono sempre state scattate dopo permesso verbale, e in generale sono tutte marchiate col logo di questo sito unicamente per impedire che esse finiscano scaricate (come da noi spesso scoperto) e utilizzate su altri siti o riviste a carattere commerciale. Per quanto riguarda le foto scattate in campagne e masserie abbandonate, se qualche proprietario ne riscontra qualcuna che ritiene far cancellare da questo blog (laddove non c’erano cartelli o muri che distinguessero terreno pubblico da quello privato, non ce ne siamo accorti) è pregato (come chiunque altro voglia segnalare rettifiche) di contattarci alla mail info@salentoacolory.it

Santa Cesarea Terme, antico borgo moderno

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.