Le tombe a camera di Taranto

La necropoli è lo spazio destinato alle sepolture e al culto dei defunti. Lo studio sulla necropoli tarantina si estende alle migliaia di tombe rinvenute lungo tutto il territorio cittadino nel periodo che va dall’età arcaica a quella romana. Dalla fondazione della colonia Greca (706 a.C.) abitato e necropoli occupavano aree ben distinte.

Read More

Filitosa, i titani della Corsica

A Filitosa, in Corsica, sembra di rivivere i miti più indelebili delle civiltà del Mediterraneo, in un sito archeologico che è fra i più interessanti dell’isola, costituito da colossali opere di pietra erette da genti che popolarono questa zona tra la fine del Neolitico e l’inizio dell’Età del Bronzo.

Nel sito, anche a...

Read More

La cappella di San Cristoforo a Montferrand-du-Périgord

Francia. Cappella di San Cristoforo a Montferrand-du-Périgord. E’ un edificio religioso del XII secolo, situato nel dipartimento francese della Dordogna. Si sa che questa chiesa è anteriore al 1153 e che la parte attualmente più antica è la navata come indica il suo dispositivo “a cresta di pesce”.

Esaminando il rap...

Read More

La Madonna dei “farauli” a Sternatia

Le chiesette rurali del Salento, nascoste nelle campagne più isolate, offrono sempre piacevoli sensazioni di stupore e meraviglia, forse dovuto proprio all’immeritato abbandono di cui soffrono da secoli. E’ il caso della Madonna dei “farauli”, posta fuori Sternatia e chiamata con il nome dialettale degli insetti che attaccano le fave, cibo coltivato qui da tempo immemorabile.

 Ai suoi tempi doveva e...

Read More

Il frantoio ipogeo di Lecce

Che anche a Lecce si potesse ritrovare un frantoio ipogeo, testimonianza dell’epica della fatica salentina all’epoca dell’oro verde dal Cinquecento in poi, sinceramente non ci credevo. Ma, dopo averne visitati e censiti esattamente un centinaio in tutto il Salento, stavolta grazie all’amico Stefano Margiotta, che mi aveva segnalato un ipogeo non censito, è successo.

In periferia, nella zon...

Read More