“Salento incantato”, un libro e mille viaggi

Accanto alla storia, quella dei grandi eventi, si dipana un’altra storia collegata ad essa ed è proprio questa che Silvia Famularo, nota e appassionata giornalista televisiva e della carta stampata, ci regala con questa sua ultima fatica editoriale.

E’ in libreria e in edicola in questi giorni il suo volume dal titolo Salento incantato. Storie e leggende perdute, edito dalle Edizioni Grifo di Lecce. Questo libro è un viaggio tra memorie antiche, raccolte e custodite nel tempo, per conoscere meglio la nostra fantastica terra salentina.

Quaranta brevi storie, arricchite anche dalle splendide immagini del maestro Pierluigi Bolognini, raccontano aneddoti su personaggi illustri come Cardamone, Placido da Otranto, Maria d’Enghien, Abramo Balmes, Matteo Tafuri, Maria Manca e Matteo da Lecce solo per citarne alcuni. Narrano storie e leggende di posti incantati come Vereto, Calimera, Santa Cesarea, Ugento, Otranto, Cavallino, Castro, Nardò e Lecce. Vicende storiche oramai quasi perdute si susseguono senza soluzione di continuità: l’assedio di Gallipoli, la Lecce repubblicana, il naufragio del Travancore e la rivolta di Nardò.

Insomma un Salento velato, non abbagliato dai tesori naturali ed artistici che gli appartengono, in cui il passato è una sedimentazione di esperienze, di culture, di uomini e di donne, di struggenti paure, di avvenimenti reali ammantati di fantasie e di fantasie camuffate da avvenimenti reali, di miti pagani e cristiani; terra poetica e drammatica, tra mare e mare, occidente ed anche oriente, il Salento è l’essenza dei popoli che lo hanno abitato, terra di conquista che conquista, che prende, comprende ed apprende.

Un libro intrigante da leggere tutto d’un fiato che sicuramente arricchirà in positivo le inedite festività che ci accingiamo a trascorrere in questo strano 2020.

© Questo sito web non ha scopo di lucro, non userà mai banner pubblicitari, si basa solo sul mio impegno personale e su alcuni reportage che mi donano gli amici, tutti i costi vivi sono a mio carico (spostamenti fra le città del territorio salentino e italiano, spese di gestione del sito e per il dominio concesso da Aruba). Se lo avete apprezzato e ritenete di potermi dare una mano a produrre sempre nuovi reportage, mi farà piacere se acquisterete i miei romanzi. Il Folle lo trovate su Amazon (clicca qui), mentre Tsunami lento in alcune librerie (clicca qui) anche in versione inglese (su Amazon), oppure, anche tutti gli altri miei titoli, a richiesta alla mia mail: sandrolento@gmail.com. Tutto ciò che compare sul sito, sopratutto le immagini, non può essere usato in altri contesti che non abbiano altro scopo se non quello gratuito di diffusione di storia, arte e cultura. Come dice la Legge Franceschini, le immagini dei Beni Culturali possono essere divulgate, purché il contenitore non abbia fini commerciali, anche indirettamente. I diritti dei beni ecclesiastici sono delle varie parrocchie, e le foto presenti in questo sito sono sempre state scattate dopo permesso verbale, e in generale sono tutte marchiate col logo di questo sito unicamente per impedire che esse finiscano scaricate (come da noi spesso scoperto) e utilizzate su altri siti o riviste a carattere commerciale. Per quanto riguarda le foto scattate in campagne e masserie abbandonate, se qualche proprietario ne riscontra qualcuna che ritiene far cancellare da questo blog (laddove non c’erano cartelli o muri che distinguessero terreno pubblico da quello privato, non ce ne siamo accorti) è pregato (come chiunque altro voglia segnalare rettifiche) di contattarci alla mail info@salentoacolory.it

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.