chiesa rupestre tagged posts

La chiesa rupestre di Santa Barbara a Ginosa

Lasciandosi Ginosa alle spalle, percorrendo una stradina in discesa, ci si lascia le ultime case indietro, il sentiero diventa campestre, e si scende verso il fondo dell’affascinante gravina. Proprio di fronte, ci si para davanti l’impressionante villaggio rupestre di Rivolta, dove circa settanta grotte sono disposte su cinque livelli sovrapposti. Il tetto della fila di grotte sottostante ospita le cisterne,

i cor...

Read More

La chiesa rupestre di S.Simine in Pantaleo a Massafra

Ubicata in Contrada Pantaleo, a circa 2 km dal centro abitato di Massafra, la CHIESA RUPESTRE DI SAN SIMINE IN PANTALEO risale al X secolo circa. Alla chiesa di S. SIMINE si giunge dopo aver attraversato un lungo campo, solcato da ulivi, camminando per un breve percorso pedemontano tra rocce affioranti e macchia mediterranea, fino alla parete calcarenitica iniziale che sale a monte verso la gravina.

Read More

La chiesa rupestre di Lama d’Antico

Il Parco di Lama D’Antico a Fasano è uno dei più suggestivi insediamenti rupestri della Puglia; all’interno di esso è possibile esplorare le diverse strutture che dovevano far parte del villaggio (X-XVI secolo d.C.), l’imponente chiesa scavata nella roccia, le grotte – abitazioni e quelle legate al lavoro. Nell’area del Parco rientrano anche le incantevoli chiesette rupestri di San Lorenzo e San Giovanni

dalle sple...

Read More

La chiesa rupestre di San Marco a Fasano

All’interno del bellissimo Borgo di San Marco, un’oasi di accoglienza e relax aperta dall’Avv. Alessandro Amati in territorio tra Fasano e Monopoli, si trova un antico insediamento rupestre, scavato nella tenera roccia calcarenitica di una bassa lama a forma circolare. Immerso in una foresta di ulivi millenari e vicinissimo all’omonima Masseria di Borgo San Marco, posta a pochi km dal mare,

rifugio di Cavalieri ed...

Read More

La chiesa rupestre di S.Stefano a Castellaneta

Il microclima temperato che caratterizza le gravine Pugliesi, sorta di canyons scavati nella calcarenite, ha favorito, soprattutto nel periodo medioevale, lo sviluppo dell’habitat in grotta e la nascita di una vera e propria cultura rupestre dedita alla coltura e all’allevamento. Le gravine erano infatti ricche di acqua che favoriva la crescita di erba e di piante, già disponibili, quindi,

per fornire...

Read More