Santa Maria del Romitorio a Brindisi

Santa Maria del Romitorio, un nome inusuale per una chiesa, un luogo altrettanto insolito, una torre del periodo federiciano che ci riporta alla Brindisi del grande imperatore Federico II, che qui attese la futura moglie da Gerusalemme istituendo un palio a Oria.

Siamo nel complesso adiacente alla cattedrale brindisina, il vescovato, dell’edificio duecentesco di forma quadrangolare spicca questa bifora…

…infatti le bifore con archetti trilobati le ritroviamo a Castel del Monte e al Castello di Gioia del Colle, e sono proprie del XIII secolo.

La torre divenne chiesa all’inizio del XVIII secolo. Sul Romitorio dei vescovi (la parola indica un luogo solitario dove i fedeli si ritiravano in solitudine per pregare) quasi non ci sono notizie storiche, si sa per certo che fu voluto dall’arcivescovo Barnaba de Castro (1700/1707). Gli affreschi risalirebbero proprio a quegli anni. Qui sopra notiamo alcune scene della vita di Maria, la Natività, la Vergine con Cristo, la presentazione al Tempio, l’Incoronazione di Maria…

…fra i dettagli che decorano le grandi pareti, alcuni animali reali e creature mitologiche come la sirena a due code…

…poi altri pannelli, l’Immacolata, la presentazione al Tempio, la Visitazione, la Natività, l’Annunciazione, lo Sposalizio della Vergine…

Spettacolare è il Giudizio Universale, un tema che in Salento lo riscontriamo anche in altri luoghi, sempre a Brindisi nella Madonna del Casale, ma poi anche a Soleto, nella chiesa di Santo Stefano, o Galatone, nella chiesa Maria SS. Assunta.

Il Giudizio Universale è rappresentato proprio in controfacciata…

…ed è di grande impatto immaginifico…

…i dannati all’inferno sono resi in maniera dantesca!

Qua e la nella chiesa si vedono anche immagini marine, creature del mare, o mestieri del popolino…

…che contribuiscono a lasciare nel visitatore un effetto visivo che resta nell’immaginazione. Uno dei tanti tesori storico artistici custoditi dalla Curia brindisina, che con amore li protegge e li tramanda alle future generazioni.

(fonti: il sito web di Brundarte e lo studioso Antonio Mingolla)

© Questo sito web non ha scopo di lucro, non userà mai banner pubblicitari, si basa solo sul mio impegno personale e su alcuni reportage che mi donano gli amici, tutti i costi vivi sono a mio carico (spostamenti fra le città del territorio salentino e italiano, spese di gestione del sito e per il dominio concesso da Aruba). Se lo avete apprezzato e ritenete di potermi dare una mano a produrre sempre nuovi reportage, mi farà piacere se acquisterete i miei romanzi. Il Folle lo trovate su Amazon (clicca qui), mentre Tsunami lento in alcune librerie (clicca qui) anche in versione inglese (su Amazon), oppure, anche tutti gli altri miei titoli, a richiesta alla mia mail: sandrolento@gmail.com. Tutto ciò che compare sul sito, sopratutto le immagini, non può essere usato in altri contesti che non abbiano altro scopo se non quello gratuito di diffusione di storia, arte e cultura. Come dice la Legge Franceschini, le immagini dei Beni Culturali possono essere divulgate, purché il contenitore non abbia fini commerciali, anche indirettamente. I diritti dei beni ecclesiastici sono delle varie parrocchie, e le foto presenti in questo sito sono sempre state scattate dopo permesso verbale, e in generale sono tutte marchiate col logo di questo sito unicamente per impedire che esse finiscano scaricate (come da noi spesso scoperto) e utilizzate su altri siti o riviste a carattere commerciale. Per quanto riguarda le foto scattate in campagne e masserie abbandonate, se qualche proprietario ne riscontra qualcuna che ritiene far cancellare da questo blog (laddove non c’erano cartelli o muri che distinguessero terreno pubblico da quello privato, non ce ne siamo accorti) è pregato (come chiunque altro voglia segnalare rettifiche) di contattarci alla mail info@salentoacolory.it

Santa Maria al Romitorio a Brindisi

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.