La cappella rurale di S.Lucia a Lizzanello

Lontano dalle odierne principali vie di comunicazione, sopravvive ancora oggi un’antica cappella fra le campagne tra Lizzanello e Castrì di Lecce, che ci riporta cinquecento anni addietro, in un tempo in cui i campi erano intensamente vissuti.

E’ una piccola costruzione, costituita da due vani voltati a botte e addossati, uno è un piccolo tempio, l’altro il ricovero del suo custode, più corto in lunghezza.

Due piccoli contrafforti laterali reggono la facciata della cappella…

…sulla quale campeggia uno stemma, dal quale possiamo capire che il tempietto era appannaggio dei frati Celestini di Lecce (che poi la cedettero al Capitolo di Cavallino), e che avevano una base anche nel vicino convento di Lizzanello, oggi ridotto purtroppo a un miserando rudere.

Sull’architrave di accesso si nota ancora una lunga iscrizione, purtroppo molto abrasa, che potrebbe darci ulteriori notizie, ma per la cui traduzione servirebbero le tecniche degli studiosi.

L’interno è piccolo e intimo, voltato a botte, che presenta un piccolo altare ed un affresco.

Al centro, la “titolare” della piccola chiesa, Santa Lucia, riconoscibile per gli occhi che reca nella mano destra. Gli affreschi datano la chiesetta alla seconda metà del XVI secolo, ma anche per lo stemma, che si trova raffigurato in alcune monete che erano in corso in quel periodo.

Sulla destra si vede San Biagio, che ha tra le mani il pettine uncinato, suo attributo iconografico…

…sulla sinistra invece San Celestino V, un papa, riconoscibile anche dalla tiara indossata.

Sull’altare si nota una pietra raffigurante il Golgota…

L’ambiente accanto doveva essere il ricovero del custode di questo tempio, dotato anche di un camino.

Le campagne salentine ci regalano spesso questi piccoli scrigni di storia minima e dell’arte locale. Qui sopra vediamo un altro esempio, un’identica cappella, delle stesse misure e voltata a botte, che presenta una Madonna con bambino, e due santi, fra giovani martiri e vescovi, che si trova nelle campagne fra Melendugno e Calimera (nota come cappella dell’Acona). In questo caso, come si evince dalla iscrizione presente in basso a sinistra sull’affresco, “Questa capella la fata fare Lio Montenaro de Martignano per suo voto 29 ottobre 1626”.

Piccole grandi testimonianze della vita della semplice gente che in queste campagne viveva e lavorava, andava e veniva, all’ombra della grande Storia, con autentica fede e devozione. Ringrazio per le notizie Stefano Cortese e Gianmarco Sperani, che mi hanno aiutato a comporre questo breve articolo.

© Questo sito web non ha scopo di lucro, non userà mai banner pubblicitari, si basa solo sul mio impegno personale e su alcuni reportage che mi donano gli amici, tutti i costi vivi sono a mio carico (spostamenti fra le città del territorio salentino e italiano, spese di gestione del sito e per il dominio concesso da Aruba). Se lo avete apprezzato e ritenete di potermi dare una mano a produrre sempre nuovi reportage, mi farà piacere se acquisterete i miei romanzi. Il Folle lo trovate su Amazon (clicca qui), mentre Tsunami lento in alcune librerie (clicca qui) anche in versione inglese (su Amazon), oppure, anche tutti gli altri miei titoli, a richiesta alla mia mail: sandrolento@gmail.com. Tutto ciò che compare sul sito, sopratutto le immagini, non può essere usato in altri contesti che non abbiano altro scopo se non quello gratuito di diffusione di storia, arte e cultura. Come dice la Legge Franceschini, le immagini dei Beni Culturali possono essere divulgate, purché il contenitore non abbia fini commerciali, anche indirettamente. I diritti dei beni ecclesiastici sono delle varie parrocchie, e le foto presenti in questo sito sono sempre state scattate dopo permesso verbale, e in generale sono tutte marchiate col logo di questo sito unicamente per impedire che esse finiscano scaricate (come da noi spesso scoperto) e utilizzate su altri siti o riviste a carattere commerciale. Per quanto riguarda le foto scattate in campagne e masserie abbandonate, se qualche proprietario ne riscontra qualcuna che ritiene far cancellare da questo blog (laddove non c’erano cartelli o muri che distinguessero terreno pubblico da quello privato, non ce ne siamo accorti) è pregato (come chiunque altro voglia segnalare rettifiche) di contattarci alla mail info@salentoacolory.it

La cappella di Santa Lucia a Lizzanello

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.