Il chiostro di San Benedetto a Conversano

Meraviglia dell’arte benedettina, il chiostro di Conversano è un bellissimo angolo di storia rimasto quasi intatto, all’interno del centro storico di questa importante città, potente già in epoca pre-romana e poi romana, e che ha svolto un ruolo importante nel cuore della Puglia. Ricorda un pò quello di Brindisi,

lo schema era sempre quello, ed i capitelli quasi identici. La città antica aveva nome “Norba”, toponimo non nuovo in Italia, che significa appunto “città fortificata”.

conversano

Superato il poderoso castello, sede per oltre settecento anni dei Conti di Conversano, già in epoca normanna, si entra nel centro storico, fra le sue viuzze strette e lastricate.

conversano

E’ proprio alle spalle del maniero che incontriamo il monastero di San Benedetto da Norcia. Pare che qui i benedettini giunsero già nel VI secolo, ma di questo non vi è certezza storica.

Immagine 074

Quattro grossi leoni sorvegliano l’ingresso di un maestoso portale.

Immagine 075

conversano

Quello che è certo è che il monastero nel X secolo era già in piedi e molto influente, e fu beneficiato dal Conte Goffredo d’Altavilla, nel 1098.

Immagine 072

Il chiostro presenta il classico porticato quadrangolare, sorretto da colonne decorate da capitelli scolpiti col bestiario medievale che si è abituati a vedere in questi ambienti.

Immagine 067

Nel 1266, papa Clemente IV diede il monastero a Dameta Paleologo, e alle sue monache cistercensi che provenivano dalla Grecia.

Immagine 068

Nonostante il convento fosse ora occupato da un ordine religioso femminile, il Papa concesse alla badessa di poter indossare la mitra e il pastorale, che erano insegne proprie maschili e vescovili, e le confermò la piena giurisdizione sul clero di Castellana. L’eccezionale situazione, pressoché unica in Europa occidentale, fece coniare per il monastero di San Benedetto la dizione di Monstrum Apuliae, che significa stupore di Puglia.

Immagine 073

Immagine 069

Nonostante i rimaneggiamenti, il chiostro conserva ancora diversi elementi originali, come la meridiana sulla parete.

Immagine 071

Conversano è una città da visitare interamente, sia per la sua storia che per le bellezze del suo centro storico e del circondario.

© Questo sito web non ha scopo di lucro, non userà mai banner pubblicitari, si basa solo sul mio impegno personale e su alcuni reportage che mi donano gli amici, tutti i costi vivi sono a mio carico (spostamenti fra le città del territorio salentino e italiano, spese di gestione del sito e per il dominio concesso da Aruba). Se lo avete apprezzato e ritenete di potermi dare una mano a produrre sempre nuovi reportage, mi farà piacere se acquisterete i miei romanzi. Il Folle lo trovate su Amazon (clicca qui), mentre Tsunami lento in alcune librerie (clicca qui) anche in versione inglese (su Amazon), oppure, anche tutti gli altri miei titoli, a richiesta alla mia mail: sandrolento@gmail.com. Tutto ciò che compare sul sito, sopratutto le immagini, non può essere usato in altri contesti che non abbiano altro scopo se non quello gratuito di diffusione di storia, arte e cultura. Come dice la Legge Franceschini, le immagini dei Beni Culturali possono essere divulgate, purché il contenitore non abbia fini commerciali, anche indirettamente. I diritti dei beni ecclesiastici sono delle varie parrocchie, e le foto presenti in questo sito sono sempre state scattate dopo permesso verbale, e in generale sono tutte marchiate col logo di questo sito unicamente per impedire che esse finiscano scaricate (come da noi spesso scoperto) e utilizzate su altri siti o riviste a carattere commerciale. Per quanto riguarda le foto scattate in campagne e masserie abbandonate, se qualche proprietario ne riscontra qualcuna che ritiene far cancellare da questo blog (laddove non c’erano cartelli o muri che distinguessero terreno pubblico da quello privato, non ce ne siamo accorti) è pregato (come chiunque altro voglia segnalare rettifiche) di contattarci alla mail info@salentoacolory.it

Il chiostro di San Benedetto a Conversano

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.