Nel nome di Abramo

La XXII Edizione della Città del Libro di Campi Salentina è stata un’occasione anche per ammirare un’interessante mostra di rari e preziosissimi documenti storici che ci accompagnano lungo il cammino delle tre grandi religioni monoteiste. A cura di Maria Rosaria Ingrosso e Concetta Margiotta, la mostra ospita cimeli della collezione di Alfredo Calabrese

ed Elio Taurino. Il tutto, nel suggestivo scenario della Biblioteca Calasanziana, adiacente al Santuario di San Pompilio Maria Pirrotti.

Nel nome di Abramo

Kabbalah, manoscritto del XVIII secolo. Il trattato Kabbalico sulle intenzioni dei servizi di preghiera quotidiana e festiva prescritti dall’Ari (cabalista ebreo vissuto nel XVI secolo) si è diffuso fra i suoi studenti con numerose edizioni. La versione della collezione Calabrese proviene dalla branca di Haim ben Abraham ha-Cohen di Alleppo, sebbene in essa ci siano alcune aggiunte che non sono state trovate nell’edizione più diffusa.

Il Libro di Ester, manoscritto ebraico-italiano del XVIII secolo. Nella Bibbia Ebraica fa parte degli Scritti, la terza parte del canone dopo la Torah e i Profeti, e più in particolare di quei “cinque rotoli” che contengono i testi proclamati durante le liturgie. Il libro è “il” rotolo per eccellenza, è chiamato infatti la “meghillah”, grazie alla sua popolarità.

Qui sopra vediamo, in oprdine orario, una menorah in ottone, il candelabro a sette bracci del Tempio Ebraico, che rappresenta i sette giorni della Creazione. Un testo ebraico del 1617, “I cinque Meghillot”. Uno Yad in argento, il puntatore usato per guidare le letture pubbliche del testo del Sefer Torah (durante la lettura della Legge in sinagoga il lettore sta sul lato destro, il “chiamato” al centro e il segan, rappresentante della congregazione, sul lato sinistro: il segan usa lo yad per puntare il testo che il lettore deve leggere). Un turibolo in argento, l’incensiere liturgico ebraico con piede antropomorfo.

Il Pentateuco, ossia i Cinque Libri di Mosè secondo la volgata tradotti in italiano nel 1777.

F.C.Marmocchi, Atlante di geografia storica universale, Firenze 1845. Le rovine di Palmira.

M.R.A. Henrion, Storia delle Crociate narrata da Carlo Farine, Napoli 1853. Carta di tavola xilografica di Gozzini. Strage dei musulmani dopo la presa di Gerusalemme.

Tavola dei nomi dei luoghi in cui gli Apostoli morirono.

Tavola delle regioni in cui gli Apostoli predicarono il Vangelo.

Chiudo con la tavola della Terra Promessa… con un pensiero al caro prof Alfredo Calabrese, che in questa occasione non ho incontrato di persona ma che ringrazio vivamente lo stesso, per tutto l’amore che ha messo, durante la sua vita, per la Storia, l’arte, e la loro salvaguardia.

© Questo sito web non ha scopo di lucro, non avrà mai banner pubblicitari, perciò tutto ciò che qui compare, sopratutto le immagini, non può essere usato in altri contesti che non abbiano altro scopo se non quello gratuito di diffusione di storia, arte e cultura. Come dice la Legge Franceschini, le immagini dei Beni Culturali possono essere divulgate, purché il contenitore non abbia fini commerciali, anche indirettamente. I diritti dei beni ecclesiastici sono delle varie parrocchie, e le foto presenti in questo sito sono sempre state scattate dopo permesso verbale, e in generale sono tutte marchiate col logo di questo sito unicamente per impedire che esse finiscano scaricate (come da noi spesso scoperto) e utilizzate su altri siti o riviste a carattere commerciale. Per quanto riguarda le foto scattate in campagne e masserie abbandonate, se qualche proprietario ne riscontra qualcuna che ritiene far cancellare da questo blog (laddove non c’erano cartelli o muri che distinguessero terreno pubblico da quello privato, non ce ne siamo accorti) è pregato (come chiunque altro voglia segnalare rettifiche) di contattarci alla mail info@salentoacolory.it  

Nel nome di Abramo

Related posts:

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>