L’iscrizione nascosta sui Massi della Vecchia

Uno dei luoghi più suggestivi ed affascinanti in assoluto, del Salento, rivela oggi un’iscrizione assai interessante, che chissà, potrebbe costringere gli studiosi a riconsiderare e reinterpretare il significato di questo sito incredibile di Giuggianello: i Massi della Vecchia. Un angolo di arcana bellezza, abitato fin da tempi antichissimi, come dimostrano i denti di squalo che spesso qui sono stati ritrovati, utilizzati come utensili nella Preistoria.

Un luogo ricco di leggende. E come insegnano i Greci, laddove c’erano miti, ci furono anche uomini. Anzi, prima gli uomini. Poi la Poesia ne ha reinventato le gesta, tramutando anche la loro storia minima in epopea. Che luogo fosse stato per gli uomini, questo, forse potrebbe dirlo un’iscrizione che l’archeologo Cristiano Donato Villani ha scoperto, consumata da chissà quanti secoli, sopra uno dei massi più imponenti di questo agglomerato naturale…

iscrizione messapica massi della vecchia 10

…l’immagine non viene benissimo, in fotografia…

iscrizione messapica massi della vecchia 2

…però, facendo attenzione, anche qui si può intravedere…

iscrizione messapica massi della vecchia 1

Per avere un’idea di insieme si è fatta con grande cura un’opera di trascrizione…

iscrizione messapica massi della vecchia 5

…e questo qui sopra è il risultato. Lo studioso Paolo Cavone ci ha dato una prima lettura. Anche se quasi illeggibile sembra si tratti di una epigrafe messapica molto antica (epoca arcaica, VI-V sec a.C.) in quanto è sinistrorsa (si legge da destra a sinistra) e compaiono caratteri presenti sono in epoca arcaica. Una trascizione più corretta dovrebbe essere: EAITEMAMOEHT che letta al contrario sarebbe “THEOMA METIAE”. Il termine Theoma ha a che fare con le divinità…

paolo cavone

Qui sopra, Paolo ha ottenuto una trascrizione leggendo la foto in negativo.

iscrizione messapica massi della vecchia 3

Certamente un responso ufficiale spetta agli esperti di epigrafia messapica dell’Università del Salento ma eccitati come bambini davanti ad una caramella da scartare, non riusciamo a resistere alla tentazione di provare a togliere l’involucro dal tesoro… la parola “METIAE” potrebbe stare per METIS?… Metis secondo la mitologia greca era una divinità molto potente, figlia di Oceano e di Teti che rappresentava la saggezza, la ragione e l’intelligenza. Il suo nome significa “prudenza” ma anche “perfidia”. Fu lei a salvare Zeus da suo padre Crono (il “Tempo”, che divorava i suoi figli). Una profezia infatti aveva detto che uno della sua prole l’avrebbe scalzato dal trono, per cui Crono per stare tranquillo divorava viva tutta la sua immortale progenie. Metis, facendogli ingurgitare con un trucco una droga glieli fece vomitare tutti…

iscrizione messapica massi della vecchia 4

Metis era una divinità assai diffusa nel Mediterraneo… ed era la madre della dea ATENA…

iscrizione messapica massi della vecchia 9

Secondo il mito, Metis è stata la prima amante (e forse la prima moglie) di Zeus, ma la donna non si consegnò facilmente al dio, trasformandosi in mille modi cercando di sfuggirgli, prima di arrendersi. Un’altra profezia diceva che lo stesso Zeus sarebbe stato detronizzato da un figlio avuto da Metis. Perciò, dopo aver fatto infine l’amore con lei, la divorò. Nonostante tutto, Metis era rimasta incinta, anche se non di un maschio. Infatti, un tremendo mal di testa, costrinse Zeus disperato a chiamare Efesto, che, a dirla con un pò di ironia, non essendo stati ancora inventati gli analgesici, non trovò di meglio che spaccare la fronte al dio immortale: da quel taglio “nacque” ATENA!

iscrizione messapica massi della vecchia 11

Ora… una eventuale presenza in questo luogo di un culto arcaico di Atena, attraverso la madre Metis, potrebbe fornire una spiegazione del perché un paese delle immediate vicinanze sia stato chiamato Minervino, dal nome di Minerva, corrispettiva latina di Atena. Supposizioni. Oreste Caroppo ci fa notare una correlazione che egli ha stabilito tra il sito delle “rocce sacre”, ninfeion detto anche “dei fanciulli e delle ninfe” di cui parla Nicandro, con quello in questione sulla Serra di Giuggianello: questo parallelismo si basa sulla presenza delle grandi rocce ovviamente, uniche tali, nel contesto salentino, “sacre” quindi, e trasformate in are come dimostrano le coppelle su di esse scavate, ma anche sulla base di tracce etnografiche attuali che raccontano miti odierni simili a quelli arcaici dove le ninfe del mito di Nicandro si sono trasformate nelle attuali fate delle leggende popolari. E così come le ninfe trasformavano i pastorelli messapici in alberi, olivastri a sentir poi anche Ovidio che riprende il mito messapico-ausonico lì narrato, così le Fate del mito si dice che fatassero i fanciulli che lì si avventurassero.

iscrizione messapica massi della vecchia 8

Le rocce “naturali” dei Massi della Vecchia ci appaiono ora meno tali… ed in effetti, molte di esse presentano tracce di “frequentazione”, opere di scavo e lavorazione, come il complesso principale della foto sopra…

iscrizione messapica massi della vecchia 7

…ma anche questa sorta di “dea madre” che vediamo sopra: in apparenza, una donna distesa, incinta, con le braccia ricurve sulla pancia, e le gambe corte, come nelle classiche Veneri di Parabita.

iscrizione messapica massi della vecchia 6

Non dimentichiamo che ad un tiro di schioppo da qui ci sono i resti della torre che l’Universita del Salento scavò nel biennio 2005-2006: i reperti che qui furono ritrovati sono resti di ceramiche e vasellame d’epoca messapica. Dunque questa collina aveva un insediamento indigeno… i Massi della Vecchia erano forse un santuario?… un luogo di culto?… sarebbe auspicabile una seria indagine da parte degli esperti, uno scavo magari, che possa restituire la vera identità ad un luogo che è oggi comunque già un santuario della natura e della bellezza.

© Questo sito web non ha scopo di lucro, non avrà mai banner pubblicitari, perciò tutto ciò che qui compare, sopratutto le immagini, non può essere usato in altri contesti che non abbiano altro scopo se non quello gratuito di diffusione di storia, arte e cultura. Come dice la Legge Franceschini, le immagini di Beni Culturali possono essere divulgate, purché il contenitore non abbia fini commerciali, anche indirettamente.

L’iscrizione nascosta sui Massi della Vecchia

One comment to L’iscrizione nascosta sui Massi della Vecchia

  • Giovanni Spano  says:

    Veramente una scoperta molto interessante. Bravo Villani a te e a tutti coloro che hanno messo del proprio per leggere la nostra storia. Complimenti a tutti

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.