Gli insediamenti rupestri del barese

In tutta l’area che da Bari si allarga verso le Murge, lungo le dorsali delle Lame (i letti degli antichi fiumi ora prosciugati) e nelle piane, riprende e si diffonde, fra VIII e IX secolo l’antica tradizione dei popoli Pugliesi di scavare insediamenti rupestri ed ipogei nella roccia calcarea. Il fenomeno è diffusissimo e costituisce una interessantissima tradizione abitativa già diffusa in Puglia, nelle grotte naturali, fin dalla preistoria.

Una realtà storica e antropologica purtroppo trascurata dagli storici dell’arte, dagli studiosi di Storia dell’architettura e dalle amministrazioni pubbliche. Molte, infatti, sono le chiese rupestri e i piccoli villaggi che sono stati scavati dai nostri antichi avi nel calcare dei territori di Bari, Modugno, Ceglie, Valenzano, e di tutta la Puglia, specialmente nelle gravine tarantine e salentine, e che si trovano in stato di abbandono.

1

In questo viaggio andremo alla scoperta degli insediamenti rupestri a ridosso della città di Bari, un autentico mondo perduto pieno di fascino.

2

Un tesoro di architettura rupestre trogloditica (cioè di vita trascorsa sotto terra) che in altri paesi è diventato patrimonio dell’Unesco (come ad esempio in Cappadocia) o continuo insediamento abitativo (valga per tutti la Tunisia).

3

Grazie agli amici Sergio Chiaffarata e Gianluigi Vezoli possiamo far vedere a tutti le suggestioni di questi luoghi nascosti ai più.

10355843_784644411632789_8860221098828472192_n

Da notare la roccia viva… la Puglia carsica, testimone di generazioni di famiglie che qui hanno lottato per la vita…

10408870_784644948299402_145854144047833762_n

Tracce di croci patentate, un classico di questi ambienti, usati da chissà quanti viandanti e pellegrini di passaggio…

10410514_784644324966131_3141166034745519153_n

10456011_784644191632811_2831133323113306034_n

11667273_784644654966098_8130087659158789938_n

Questi complessi ipogei sono stati utilizzati fino a tempi recenti, ad esempio come rifugi durante la seconda guerra mondiale, come dimostrano i rocchetti di vetro infissi sul soffitto per sostenere i cavi elettrici dell’illuminazione o le botti del vino sparse.

11212767_784644684966095_752531211499349139_n

Purtroppo non esistono documenti che permettano di ricostruire l’evoluzione storica di questi ipogei, anche perché non sono mai state fatte ricerche archeologiche in questi siti, per cui si rimane sul piano delle congetture e delle ipotesi, sia per quanto riguarda la funzione di questi edifici sotterranei, che per il ruolo che hanno assunto nei vari periodi storici.

11225364_784643704966193_3198756648461297821_n

11227756_784644774966086_5890568310062885099_n

La roccia che testimonia la presenza del mare, ed i suoi abitanti, qui, milioni di anni fa…

11229825_784644551632775_7574405710499038905_n

Svariati ambienti di questi ipogei sono stati “rinforzati” o ammodernati con opere di costruzioni “moderne”, che anche queste testimoniano un utilizzo fino a tempi veramente recenti…

insediamenti rupestri di Bari

insediamenti rupestri di Bari

insediamenti rupestri del barese

11539235_784643504966213_7137047354215049586_o

insediamenti rupestri del barese

In questa zona non c’è traccia di chiesa rupestre, ma non è lontano l’esempio della stupenda Santa Candida, che abbiamo visto in un altro articolo.

insediamenti rupestri del barese

insediamenti rupestri del barese

11737949_784643598299537_2580627200988017828_n

insediamenti rupestri del barese

insediamenti rupestri del barese

insediamenti rupestri del barese

11226548_784642918299605_2598258788300112209_n

La Bari che non ti aspetti, la città rupestre, aspetta i suoi visitatori, per raccontare la sua storia minima, di vita e fatica vissuta qui per secoli, che ha fondato l’attuale società moderna.

(che ringrazia Sergio Chiaffarata e Gianluigi Vezoli, per la disponibilità e le fotografie)

© Questo sito web non ha scopo di lucro, non avrà mai banner pubblicitari, perciò tutto ciò che qui compare, sopratutto le immagini, non può essere usato in altri contesti che non abbiano altro scopo se non quello gratuito di diffusione di storia, arte e cultura. Come dice la Legge Franceschini, le immagini di Beni Culturali possono essere divulgate, purché il contenitore non abbia fini commerciali, anche indirettamente.

Gli insediamenti rupestri del barese

One comment to Gli insediamenti rupestri del barese

  • francesco ottaviani  says:

    Caro Alessandro, vado sempre di corsa ma qui ci sono rimasto un bel po’. Complimenti.

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>