Chi siamo

QUESTO SITO NON HA SCOPO DI LUCRO MA DI DIVULGARE CULTURA E BELLEZZA

CONTATTI: info@salentoacolory.it

Alessandro Romano

ALESSANDRO ROMANO (Lecce, 1975), regista e scrittore. Coltivando dopo la maturità di Perito Turistico il sogno di fare la guida turistica in giro per il Salento, finisce invece nel 1997 alla ben più completa opera di divulgazione della propria terra attraverso il lavoro per l’emittente salentina Telerama, curando la ripresa, il montaggio, i testi e la regia di video documentari riguardanti il Salento, affiancando a questo l’innata passione di ricerca storiografica, fotografica e quella della scrittura. Collabora da sempre con la testata giornalistica dell’Emittente per la realizzazione di servizi di cronaca, costume e società, eventi sportivi, spettacoli e approfondimenti di vario tipo. Nel settembre 2016 pubblica il romanzo “L’Alba del Difensore degli uomini”, che ottiene subito lusinghiere recensioni ed una presentazione speciale alla Feltrinelli Express di Verona. Ha firmato la regia del documentario “Messapia. Terra tra due mari”, allegato all’omonimo libro di Lory Larva (2011). Oltre ad aver contribuito alla produzione fotografica di questo e di altri libri: “Pionieri del Salento”, “Divine tavole”, “La cucina salentina” (2015), “Incantevole Bari”, e la prestigiosa strenna “Case del Salento”, (2016) di Silvia Famularo, Edizioni Grifo. Ha collaborato anche al libro di Silvano Palamà, “Calimera nascosta” (2014), per cui ha curato la ricerca fotografica del simbolo del fiore della vita in Salento, e a quello di Stefano Margiotta, “Salento da esplorare” (2016, Capone Editore), con altre fotografie. La sua passione per la scrittura non insegue a tutti i costi la pubblicazione cartacea, infatti pubblica gratuitamente molti suoi lavori su Internet. E’ una scrittura in cui tenta di inventare uno stile nuovo ed un diverso approccio alla narrazione. Fenicea è l’ardito tentativo, in un lavoro che lo ha impegnato più di 15 anni, di mettere insieme il poema in ottava rima (quella cinquecentesca dell’Ariosto) e il romanzo classico, scritto a metà tra fiaba e racconto d’avventure: come in una saga a più capitoli, rivivono reinterpretati fantasiosamente il mondo dei miti greci e l’epopea cavalleresca. L’opera va a braccetto con il romanzo sopra citato: riduttivo definirlo romanzo autobiografico, in quanto le congiunzioni che l’hanno portato ad incontrare l’amore, qui si mescolano con la storia stessa del Salento e dell’Albania (la terra di sua moglie), riportata fra resoconto storico e leggende, ed invenzioni poetiche sue stesse. Se il primo libro è il suo percorso giovanile, frutto di sogni ed ideali spesso irreali, il secondo è frutto della realtà e della sua maturità. Il suo viaggio fra scrittura e terra d’origine è infine sfociato nel 2015 nella realizzazione di un film, Il Delfino e la Mezzaluna, per cui ha curato testi, riprese e regia, ed anche interpretazione, grazie alla sua famiglia e gli amici, che lo hanno aiutato in un’opera suggestiva ed insieme gratuita, oggi pubblicata su Youtube. Nel 2016 pubblica il suo primo lungometraggio, un film documentario, “Viaggio in Terra d’Otranto”. Insieme all’amica Lory Larva ha creato questo sito web, cullando l’antico sogno di fare la guida turistica, ma ben presto il viaggio nella Rete lo ha spinto a seguire il richiamo della sua personale Sirena a due code della Conoscenza (di cui ha disegnato il logo del sito) in un’esplorazione globale del mondo, grazie alla collaborazione di amici con la stessa passione, con l’intento di una divulgazione libera, di tutte le meraviglie del Pianeta. Continua un personale ed ancora privato lavoro, che dura da anni, di sintesi, per l’elaborazione di un libro fotografico sulla storia del Salento. Primo classificato a livello nazionale nella categoria e-Culture & Tourism dell’Italian eContent Award 2015 (ROMA), per le riprese video del film-documentario “Tesori di Otranto in 3D”, realizzato a cura di Virginia Valzano, Coordinatore Tecnico-Scientifico del CEIT (Centro Euromediterraneo di Innovazione Tecnologica per i Beni Culturali e Ambientali e la Biomedicina). Premio “AMOR LOCI Gino Cantoro” 2015, a Melpignano, per questo sito web.

vincenzo pescatore

VINCENZO PESCATORE – Musicista e compositore, studia musica dall’età di cinque anni. Allievo di Piero Iunco e Carlo Gallo, dopo aver conseguito la licenza in teoria e solfeggio, frequenta il quinto anno al Conservatorio Tito Schipa di Lecce per conseguire il diploma in pianoforte. Attualmente studia con la Professoressa Rossella Ricci. Polistrumentista (piano, batteria e chitarra) ha partecipato a diversi saggi nel brindisino. Ha frequentato un corso dedicato alla musica moderna ed in particolare all’arrangiamento musicale, pubblicando con la casa discografica Acustic Sound gli album “Amore e Coraggio” e “Once Upon a Time”, traboccanti di note che, trasportando in altre dimensioni, rigenerano lo spirito. Ha firmato le musiche dei documentari dedicati ai siti archeologici messapici realizzati nell’ambito del progetto “Viaggi nella Terra di Mezzo” finanziato dalla Fondazione con il Sud. Come autore predilige atmosfere sonore avvolgenti, che evocano il viaggio in terre di antiche tradizioni intrise di culture ancestrali. E’ autore delle colonne sonore dei documentari di questo sito web.

ALTRI CONTRIBUTI

vezoli

GIANLUIGI VEZOLI, bresciano, grande esploratore della cultura medievale, e non solo italiana, nutre un profondo amore per la cultura, la storia e l’arte indiana, per la quale scrive e realizza reportage per questo sito, contribuendo ad arricchirlo con numerosi reportage sulla Puglia medievale più fascinosa e nascosta.

Inoltre, ringraziamo tutte le altre penne comparse sulle nostre pagine, valenti e disinteressati professionisti che qui hanno voluto condividere un proprio contributo, in scrittura o fotografie, o semplici consigli: Vincenzo D’Aurelio, Danny Vitale, Giuseppe Resta, Paul Arthur, Jacopo De Grossi Mazzorin, Ilaria Epifani, Giuliana Coppola, Antonio Minelli, Giuseppe Mighali, Adele Quaranta, Diego De Pandis, Alberto Signore, Stefano Cortese, Antonio Castelluzzo, Stefano Tanisi, Rosaria Ricchiuto, Padre Mario Marafioti, Paola Di Silvio, Raffaella Galli, Rossella Tarquinio, Sergio Chiaffarata, Ottavio Carbone, Tiziana Colluto, Mariella Miglietta, Stefano Calò, Nicola Zilio, Stefania Faggioni, Serena Marchese, Diana Papaleo, Salvatore De Pascalis, Rocco Margiotta e Toan Hoang! Oltre ovviamente a Lory Larva, con cui si iniziò questo percorso.rr

Tutti gli amici che scrivono o hanno scritto su questo sito sono animati da puro amore per il Salento e la Storia in generale, e hanno lasciato qui il loro contributo gratuitamente, per spirito di condivisione del personale percorso formativo.

UNA RECENSIONE A QUESTA NOSTRA AVVENTURA (Rivista “QUI SALENTO”, giugno 2015)

qui salento giugno 2015

Oltre a ringraziare l’autore di questa recensione, per me veramente una sorpresa, ci tengo però a spiegare il motivo per cui la veste grafica di questo sito è un pò “vecchiotta”. Semplicemente perché, essendo un progetto nato dal solo tempo libero, e senza scopo di lucro, non mi è possibile investire in un web-designer professionista. Ci basta solo realizzare reportage che siano interessanti, e di questo stiamo avendo grandi riscontri e soddisfazioni!

GRAZIE PER I VOSTRI COMMENTI SU FACEBOOK

2 commento (4) commento al sito commento super (2) COMMENTO SUPER (3) commento super commento super2 commentocommento salento a colorycommentocommentocommentocommentocommentocommento salento a colori

PREMIO Amor Loci “Gino Cantoro”, dicembre 2015 a SALENTO A COLORY, i nuovi “Ulissidi del Salento”.

Raccontare e promuovere il Salento, partire da qui per scoprire antiche rotte, intraprendere nuovi viaggi, conoscere altre terre, altri paesi, altra gente e poi, provare a guardare da lontano il porto di partenza, decidere di ritornare, oppure ‘viaggiare’ senza spostarsi tanto. Conferiamo con piacere questo nostro riconoscimento, il Premio AMOR LOCI al sito web ‘SALENTO A COLORY’ perché sono i nuovi ulissidi del Salento e con infinite collaborazioni in programma diventeranno i nuovi ulissidi del Mediterraneo. Come la ‘sirena’ il curatore ALESSANDRO ROMANO e i suoi collaboratori, hanno creato un sito/scrigno che funge da strumento di formazione e di divulgazione capace di far cadere nella ‘rete’ tutti i navigatori di internet.

IMG_5938

IMG_5931

VERONA, dicembre 2016. Proiezione film “Il Delfino e la Mezzaluna” e presentazione del romanzo da cui è tratto.

 

 

 

15355818_10208755374654790_944172134607309266_n

verona-feltrinelli

seguici su FB

16 comments to Chi siamo

  • Maria Teresa Capozza  says:

    Volendo organizzare una due giorni a Manduria e dintorni passando per le bellissime Murge tarantine, ho scoperto per caso il vostro sito. Siete molto bravi e professionali e quanto fate è veramente meritorio! Credo che ogni nostro viaggio nel triangolo TA BR LE da ora in poi sarà accompagnato dai vostri consigli e dalle vostre conoscenze.
    prof.ssa Maria Teresa Capozza, Palo del Colle (Bari)

    • salentoacolory  says:

      Una gentilezza squisita! Grazie per i vostri complimenti! E per continuare a meritarceli, ci daremo dentro ogni giorno col nostro impegno!

  • Antonio Pastore  says:

    Complimenti per il sito, solo un appunto: e’ troppo modesto lo spazio riservato ad Alessandro Romano che, oltre ad essere un formidabile operatore di ripresa e’ sicuramente un ottimo regista, come si è’ dimostrato nelle varie trasmissioni su Telerama, con delle riprese di grande pregio.

    • salentoacolory  says:

      Grazie, sig. Antonio, troppo buono! Su questo sito rendo semplicemente pubblica la mia passione fotografica e di ricerca storiografica sul mio adorato Salento, che mi accompagna dai tempi della scuola. Una mission che mi sprona sia la domenica nei miei momenti liberi, che durante la settimana con la telecamera della mia amata Telerama! Alessandro Romano.

  • Alberto Morresi  says:

    Buongiorno, se ci seguite sul sito che vi ho indicato, vi convincerete che forse non è improbabile che Carlo Magno abbia soggiornato nel Salento.
    Saluti
    Alberto Morresi

  • Giovanni Spano  says:

    Veramente meravigliose, foto e video; non conoscevo gli altri artefici di questa chicca del Salento. Ho avuto modo di conoscere Alessandro Romano, con il quale abbiamo fatto dei lavori insieme. Grazie “ragazzi” veramente grandi. Il salento è meraviglioso ed è tutto da scoprire….. anche nel profondo Sud, ricco di storia e tradizioni. Giovanni Spano – presidente Associazione Culturale “don Liborio Romano” Patù – http://www.donliborioromano.it – diffondere le conoscenze è un impegno che dovremmo avere noi tutti Salentini.

  • stefano  says:

    Salve
    Vorrei sapere se esistono libri specifici sulle domus romane in provincia di Lecce.

    • salentoacolory  says:

      Ciao Stefano, non mi viene al momento un titolo in particolare, ma all’Università del Salento troverà certamente informazioni, e pubblicazioni, visto il lavoro da essa svolto negli anni, nel gran numero di siti salentini.

  • Valerio  says:

    Complimenti per ciò che fate!

    • salentoacolory  says:

      Grazie Valerio! Di cuore.

  • Angelo  says:

    Un sito che equivale ad una finestra sempre aperta sulla nostra bellissima Terra.
    Complimenti di cuore…

    • salentoacolory  says:

      Che dire… sono io che ti ringrazio di cuore, Angelo… è solo per amore, che continuo coi miei “bozzetti di viaggio”. Perché il vero amore deve essere gratuito.

  • Sergio  says:

    buongiorno e complimenti per ciò che fate e per come lo fate.

    • salentoacolory  says:

      grazie per le tue parole!

  • Sergio  says:

    Io e mia moglie intendiamo fare una escursione da martano sino a otranto e casualmente siamo capitati sul vostro sito….davvero interessante.
    ci chiediamo, riguardo l’articolo in cui parlate di quella antica autostrada… frequentata già in epoca romana e situata in agro di cannole, avete delle coordinate gps da divulgare, in modo da ‘beccarle’ certamente durante il nostro giro?
    Grazie in anticipo..

    • salentoacolory  says:

      Ciao Sergio, no, non ho le coordinate gps, mi ha aiutato un archeologo di Cannole per quel reportage, Cristiano Donato Villani, che mi ci ha accompagnato…

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>